SE QUESTA E' UNA SOCIETA'. 7 ANNI DI PSICODRAMMA SPORTIVO, CON DE SANCTIS LA FINE DELLA SGRADEVOLE TELENOVELA DELL'ASSURDO

di Matteo Bursi
articolo letto 917 volte
Foto

La realtà talvolta supera la fantasia. Lo sosteneva anche Luigi Pirandello. Lo sanno bene anche, più modestamente, i sostenitori del Mantova Calcio. Club fresco di secondo fallimento in sette anni, con conseguente seconda sparizione dal calcio professionistico. Nuovamente in Serie D, nel 2017/2018, dopo sette anni vissuti al limite dell'incredibile. Con gestioni societarie rapide, inconcludenti, dannose. Sei presidenti in sette stagioni (Bompieri, Lodi, Esposito, Di Matteo, Musso e infine De Sanctis) per tornare al punto di partenza: la Serie D dalla quale si era ripartiti nel 2010. Di seguito l'aggiornata, a tratti incredibile, cronistoria sintetica degli ultimi sette anni di vita del Mantova.

8 luglio 2010 Il Mantova rifondato dopo il fallimento trova in Alberto Castagnaro e Bruno Bompieri le forze fresche per la rinascita dalla D. La presidenza va a Bruno Bompieri.

9 novembre 2011 Giovanni Famà acquista il 15% di quote del Mantova e diventa vicepresidente. 

18 luglio 2012 Francesco De Pasquale trova l'accordo con Bruno Bompieri per l'acquisizione del 20% del pacchetto del Mantova Fc. Palleggia al Martelli, annuncia Soda nuovo allenatore ma l'intesa salterà prima di entrare dal notaio.

9 agosto 2012 Nuova intesa tra i soci mantovani e possibili acquirenti. Siglato l'accordo, ufficializzato dal club, della cessione del 50% del Mantova al gruppo bergamasco di Ezio Passera e Bruno Bianco. L'accordo evapora ancora una volta prima delle firme nello studio notarile.

29 Aprile 2013 Michele Lodi lascia la Sambonifacese e acquista il 70% del Mantova. Bruno Bompieri resta come presidente onorario.

28 Agosto 2014 Antonio Esposito rileva il 30% delle quote del Mantova da Michele Lodi e diventa presidente.

5 Settembre 2014 Nicola Di Matteo acquisisce il 70% del pacchetto azionario di Viale Te e assume la presidenza. Saluta dopo meno di dieci giorni Esposito, dopo aver tentato di esonerare Juric perché il croato non faceva scendere in campo i giovani Falco e Indelicato.

26 Giugno 2015 I bresciani della Sdl acquisiscono la maggioranza del Mantova. Sandro Musso diventa presidente. Michele Lodi resta con il 15%, i soci mantovani con il 30%.

20 Gennaio 2017 Il gruppo di imprenditori romani facente capo a Marco Claudio De Sanctis (già vicepresidente) ed Enrico Folgori acquista il 100 percento del club. Si chiude dopo 19 mesi la presidenza Musso. Lasciano anche i soci mantovani Bompieri, Tirelli e Giovanardi.

14 Luglio 2017. Il Mantova sparisce dal calcio professionistico. La proprietà di De Sanctis, ampiamente inadempiente da mesi, non riesce a iscrivere il club alla nuova Serie C 2017/2018.
 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI